Lavoro: il ticket sui licenziamenti


La circolare INPS n. 44/2013 chiarisce l’operatività dei “ticket per i licenziamenti” introdotti dalla riforma del lavoro (L. n. 92/2012). Il ticket è dovuto dai datori di lavoro sulle interruzioni di rapporti a tempo indeterminato (a tempo pieno o a tempo parziale) quando la cessazione generi in capo al lavoratore il teorico diritto alla nuova indennità, a prescindere dall’effettiva percezione della stessa. Sono escluse dall’obbligo le cessazioni a seguito di: dimissioni; risoluzione consensuale; decesso del lavoratore. Fino al 31 dicembre 2016, sono esonerati anche i datori di lavoro tenuti al versamento del contributo d’ingresso nelle procedure di mobilità ex art. 5, c. 4, L. n. 223/1991. Per le interruzioni dei rapporti intervenuti nel periodo gennaio – marzo 2013, il versamento fa effettuato entro il 16 giugno 2013. Il ticket è pari al 41% del massimale mensile dell’ASPI, che ammonta a 1.180 euro per l’anno 2013.


Partecipa alla discussione sul forum.