Lavoro: i contributi per co.co.co devono essere riconosciuti dall'INPS anche se il datore di lavoro non li ha pagati

In tema di prestazioni co.co.co, la Corte di Cassazione con sentenza n. 941/13 ha stabilito che ha diritto alla pensione l’ex collaboratore anche se il datore di lavoro non ha provveduto a versare i contributi. La sentenza si rifà all’art. 2116 c.c., che prevede il principio di automaticità delle prestazioni; questo principio deve essere applicato anche ai collaboratori a progetto in quanto parasubordinati e assimilati ai dipendenti dal punto di vista fiscale.

Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it