LAVORO: gli ammortizzatori sociali anche negli studi professionali


In tema di tutela del reddito in caso di sospensione dal lavoro, o disoccupazione, il Ministero del Welfare in deroga alla disciplina degli ammortizzatori sociali, li riconosce anche per i dipendenti degli studi professionali. A questa tipologia di soggetti è accordato l’accesso alla cassa integrazione guadagni straordinaria e alla mobilità. Inoltre, agli apprendisti, in via sperimentale per il 2009, è stabilito un possibile intervento integrativo del 20% a carico degli enti bilaterali, fino a concorrenza delle risorse disponibili; ai collaboratori, anche professionali, viene riconosciuta, anche in via sperimentale per il triennio 2009-2011, una somma in un’unica soluzione pari al 10% del reddito percepito l’anno precendente, a condizione che operino in monocommittenza, abbiano conseguito un reddito dell’anno precedente superiore a 5mila euro, sia iscritti alla gestione separata Inps da non meno di tre mesi.


Partecipa alla discussione sul forum.