LAVORO: diritto alla retribuzione


La Corte di Cassazione nella sentenza 8/4/2011, n. 8063 entra nel merito del diritto alla retribuzione del cd “tempo tuta”, il tempo necessario al lavoratore per indossare la divisa aziendale. Al fine di valutare se detto tempo debba essere remunerato o meno occorre far riferimento alla disciplina contrattuale specifica. In particolare, ove sia data facoltà al lavoratore di scegliere il tempo e il luogo ove indossare la divisa stessa, la relativa attività fa parte degli atti di diligenza preparatoria allo svolgimento dell’attività lavorativa e, come tale, non deve essere retribuita, mentre se tale operazione è diretta dal datore di lavoro, che ne disciplina il tempo ed il luogo di esecuzione, rientra nel lavoro effettivo e, di conseguenza  deve essere retribuita.


Partecipa alla discussione sul forum.

LAVORO: diritto alla retribuzione


La Corte di Cassazione nella sentenza 8/4/2011, n. 8063 entra nel merito del diritto alla retribuzione del cd “tempo tuta”, il tempo necessario al lavoratore per indossare la divisa aziendale. Al fine di valutare se detto tempo debba essere remunerato o meno occorre far riferimento alla disciplina contrattuale specifica. In particolare, ove sia data facoltà al lavoratore di scegliere il tempo e il luogo ove indossare la divisa stessa, la relativa attività fa parte degli atti di diligenza preparatoria allo svolgimento dell’attività lavorativa e, come tale, non deve essere retribuita, mentre se tale operazione è diretta dal datore di lavoro, che ne disciplina il tempo ed il luogo di esecuzione, rientra nel lavoro effettivo e, di conseguenza  deve essere retribuita.


Partecipa alla discussione sul forum.