Lavoro: congedo obbligatorio per i padri lavoratori


Una disposizione contenuta nella legge di riforma del mercato del lavoro prevede l’obbligo per i padri lavoratori dipendenti di astenersi dall’attività almeno un giorno nei cinque mesi successivi alla nascita di un figlio. Il provvedimento mira alla promozione della condivisione dei compiti di cura dei figli in ambito familiare. In dettaglio, è stabilito l’obbligo, come sopra descritto, e, in via opzionale la richiesta di altri due giorni in sostituzione della madre durante il suo periodo di astensione obbligatoria. Il trattamento retributivo copre l’intero stipendio, nel senso che si percepirà, per quei giorni, un’indennità al 100% a carico dell’INPS. Per usufruire dell’astensione il lavoratore dovrà avvisare il datore di lavoro almeno quindici giorni prima dei giorni prescelti.


Partecipa alla discussione sul forum.