Lavoro: con il decreto milleproroghe torna al 70% l’integrazione salariale dei contratti di solidarietà


Il decreto milleproroghe, all’art. 2-bis, ha mantenuto al 70% l’integrazione salariale dei contratti di solidarietà. I contratti di solidarietà sono accordi, stipulati tra l’azienda e le rappresentanze sindacali, aventi ad oggetto la diminuzione dell’orario di lavoro, consentendo di: mantenere l’occupazione in caso di crisi aziendale e quindi evitare la riduzione del personale; favorire nuove assunzioni attraverso una contestuale e programmata riduzione dell’orario di lavoro e della retribuzione.


Partecipa alla discussione sul forum.