Lavoro: al via la detassazione dei premi


Tasse azzerate sui premi di risultato erogati sotto forma di prestazioni di servizi. Il lavoratore che sceglie di ricevere il suo premio in voucher per l’acquisto di servizi per sé o i familiari (buoni pasto; contributi a fondi pensione; premi per polizze sanitarie; ticket per servizi di educazione e istruzione; borse di studio a familiari ecc.), non paga alcuna tassa, neppure quella ridotta al 10% che, invece, è dovuta sulle somme in denaro riscosse in base agli incrementi di produttività, redditività, qualità efficienze e innovazione aziendale. A stabilirlo è il decreto interministeriale lavoro ed economia del 29 aprile 2016 n. 1462 pubblicato sul sito del ministero del lavoro, sezione pubblicità legale, che dà il via libera all’incentivo per l’anno 2016.

 


Partecipa alla discussione sul forum.