L’agevolazione sui contributi nel settore edile deve rispettare la soglia delle 40 ore


Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 266/2011 il decreto ministeriale che riconosce il consueto sgravio previdenziale e assistenziale alle aziende che operano nel settore edile. Il provvedimento conferma anche nel 2011 la riduzione contributiva pari all’11,50 %, sui contributi previdenziali INPS e assistenziali INAIL. Possono beneficiare della facilitazione anche le società cooperative di produzione e lavoro esercenti attività edile con riferimento ai soci lavoratori; sono, invece, escluse le imprese impiantistiche del settore metalmeccanico. Il beneficio contributivo opera sulla quota datoriale diversa da quella pensionistica e riguarda i soli operai occupati con un orario di lavoro di 40 ore settimanali.


Partecipa alla discussione sul forum.

L’agevolazione sui contributi nel settore edile deve rispettare la soglia delle 40 ore


Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 266/2011 il decreto ministeriale che riconosce il consueto sgravio previdenziale e assistenziale alle aziende che operano nel settore edile. Il provvedimento conferma anche nel 2011 la riduzione contributiva pari all’11,50 %, sui contributi previdenziali INPS e assistenziali INAIL. Possono beneficiare della facilitazione anche le società cooperative di produzione e lavoro esercenti attività edile con riferimento ai soci lavoratori; sono, invece, escluse le imprese impiantistiche del settore metalmeccanico. Il beneficio contributivo opera sulla quota datoriale diversa da quella pensionistica e riguarda i soli operai occupati con un orario di lavoro di 40 ore settimanali.


Partecipa alla discussione sul forum.