LA CASSAZIONE SANCISCE LA DEDUCIBILITA’ DEI COMPENSI AI MANAGER

La sentenza n. 24957 del 10 dicembre 2010 della Corte di Cassazione sancisce la piena deducibilità dei compensi ai manager. L’amministrazione finanziaria non può neanche mettere in discussione i loro importi, riportandoli a “valore normale”. La sentenza è un passo importante al disbrigo della confusione sulla materia. La stessa Cassazione, la scorsa estate, con un’ordinanza, aveva negato la possibilità di dedurre i compensi per gli amministratori delle società di capitali, in quanto assimilati a imprenditori (ordinanza 18702 del 13 agosto 2010). Le due pronunce sono in contrapposizione. A settembre il governo nel rispondere a un’interrogazione parlamentare, che chiedeva come si intendesse rimediare alla situazione che si era creata dopo quella pronuncia, aveva semplicemente richiamato le norme che apertamente consentono la deducibilità dei compensi, senza accennare a possibili interventi che apparivano inutili, data la chiarezza delle regole. Quest’ultima sentenza, ignorando l’ordinanza di agosto, indica come spesso i giudici cambino parere, anche se in questo caso si recupera un “errore” a favore del contribuente.


Partecipa alla discussione sul forum.