IRAP: per la CTR Lazio i professionisti sono esenti

Alcune professioni sono sempre esenti dall’IRAP è quanto sostiene la CTR Lazio nella sentenza n. 238/01/13, pubblicata lo scorso 22 aprile. Si parla di avvocati, geometri e notai. In materia di autonoma organizzazione, la sentenza n. 156/2001 della Corte Costituzionale ha sostenuto che l’esercizio delle professioni cd protette, cioè quelle per l’esercizio delle quali è necessaria l’iscrizione all’ordine professionale, non integra mai il presupposto per l’applicazione dell’IRAP. Le professioni intellettuali sono caratterizzate dal requisito dell’intuito personale, dove l’organizzazione si basa proprio su questo concetto ed i beni strumentali sono il “quid pluris” rispetto all’attività di lavoro personale dello stesso imprenditore. Richiamando questo insegnamento, la CTR è giunta alla conclusione che nell’esercizio delle professioni intellettuali è, in via di principio, assolutamente non configurabile l’esistenza di un’organizzazione di beni che possa funzionare separatamente e indipendentemente dall’intervento del professionista, dovendo essere prevalente la sua personale attività professionale rispetto all’eventuale utilizzazione di qualsivoglia organizzazione di beni strumentali che non potrà mai essere sostitutiva dell’attività medesima.


Partecipa alla discussione sul forum.