IRAP: i notai pagano l’imposta

In seguito al caso di un notaio che aveva richiesto il rimborso Irap, e dopo il silenzio rifiuto da parte dell’amministrazione finanziaria, aveva fatto ricorso alla commissione tributaria, la Corte di Cassazione, con sentenza n. 16855 del 20 luglio 2009, ha stabilito che i notai devono pagare l’Irap anche se, nell’esercizio delle pubbliche funzioni di loro competenza, sono obbligati a richiedere l’aiuto di personale qualificato. I giudici hanno comunque richiamato il principio noto valido per i piccoli professionisti, che recita: “in base agli articoli 2 e 3 del D.Lgs 446/97 l’esercizio delle attività di lavoro autonomo è escluso dall’applicazione dell’Irap solo nel caso in cui il professionista svolga un’attività autonomamente organizzata, senza il supporto, quindi, di nessuna forma di collaborazione. Alla luce del principio di diritto di autonoma organizzazione non può essere considerato rilevante l’obbligo di usufruire di personale qualificato”.


Partecipa alla discussione sul forum.