Interpelli: regime forfettario e cause ostative

Interpelli: regime forfettario e cause ostative

L’Agenzia delle entrate, in risposta ad un interpello (n. 137/2019) riferito al caso di un commercialista che vuole entrare nel regime forfettario, con collaborazioni in una Srl partecipata con una quota dell’80% dalla moglie, membro del consiglio di amministrazione della Srl, con parcelle emesse verso la società nel periodo d’imposta 2017 e nel periodo d’imposta 2018 (quote rispettive 36% e al 28% del proprio fatturato), ha precisato che non è possibile accedere al regime forfetario se si controllano direttamente o indirettamente Srl che esercitano attività economiche direttamente o indirettamente riconducibili a quelle svolte da chi intende applicare la disciplina agevolata. In mancanza di una delle condizioni indicate dalla norma, la causa ostativa non opera e il contribuente può applicare il regime agevolato. La decorrenza della causa ostativa assume rilevanza l’anno di applicazione del regime e non l’anno precedente (come precisato nella circolare n. 9/2019). 

Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it