Interdizione anticipata per gravidanza: precisazioni del Ministero

Il Ministero del lavoro ha chiarito, in attesa che sia convocata la Conferenza Stato/Regioni cui spetta il compito di stabilire le modalità con le quali le ASL dovranno provvedere, a decorrere dal prossimo 1° aprile 2012, all’emanazione dei provvedimenti di astensione anticipata dal lavoro in caso di gravi complicanze della gravidanza o di preesistenti forme morbose che si presume possano essere aggravate dallo stato di gravidanza, gli uffici territoriali sono autorizzati a procedere con accordi stipulati a livello locale con le ASL competenti, al fine di garantire in ogni caso alle lavoratrici l’applicazione delle forme di tutela previste.


Partecipa alla discussione sul forum.