INPS: variazione del tasso di interesse sulle dilazioni


La Banca Centrale Europea ha ridotto di 25 punti base il Tasso Ufficiale di Riferimento (TUR) fissandolo, a decorrere dal 9 novembre 2011, nella misura dell’1,25 per cento. La variazione incide sulla determinazione del tasso di dilazione e di differimento da applicare agli importi dovuti a titolo di contribuzione agli Enti gestori di forme di Previdenza e Assistenza obbligatorie nonché sulla misura delle sanzioni civili di cui alla legge n. 388/2000. Pertanto, l’interesse di dilazione per il pagamento rateale dei debiti per i contributi e per le relative sanzioni civili e l’interesse dovuto in caso di autorizzazione al differimento del termine di versamento dei contributi dovranno essere calcolati al tasso del 7,25%.


Partecipa alla discussione sul forum.

INPS: variazione del tasso di interesse sulle dilazioni


La Banca Centrale Europea ha ridotto di 25 punti base il Tasso Ufficiale di Riferimento (TUR) fissandolo, a decorrere dal 9 novembre 2011, nella misura dell’1,25 per cento. La variazione incide sulla determinazione del tasso di dilazione e di differimento da applicare agli importi dovuti a titolo di contribuzione agli Enti gestori di forme di Previdenza e Assistenza obbligatorie nonché sulla misura delle sanzioni civili di cui alla legge n. 388/2000. Pertanto, l’interesse di dilazione per il pagamento rateale dei debiti per i contributi e per le relative sanzioni civili e l’interesse dovuto in caso di autorizzazione al differimento del termine di versamento dei contributi dovranno essere calcolati al tasso del 7,25%.


Partecipa alla discussione sul forum.