IMU: variazioni in corso d’opera

di Redazione

Pubblicato il 18 febbraio 2012

Nella bozza del decreto sulle semplificazioni fiscali atteso in Consiglio dei ministri  la prossima settimana ci sono proposte di modifiche all’IMU. In particolare si segnala: ogni nucleo familiare avrà diritto a una sola detrazione; per abitazione principale deve intendersi quella in cui non solo il proprietario ma anche il suo nucleo dimorano abitualmente e risiedono anagraficamente; le agevolazioni, in primis quella di 200 euro più 50 euro per ogni figlio residente di età inferiore ai 26 anni sull'IMU prima casa, si applicano per un solo immobile anche se i singoli familiari hanno la dimora o la residenza in un altro stabile dello stesso Comune. In materia di versamenti: l'acconto di giugno dovrà essere calcolato in base all'aliquota di partenza dello 0,4% (0,76% dalla seconda abitazione in poi); viene dimezzata la base imponibile per i fabbricati dichiarati inagibili o inabitabili e di fatto non utilizzati, limitatamente al periodo dell'anno durante il quale sussistono dette condizioni, a condizione che l'inabitabilità sia accertata da un tecnico comunale o dall'autocertificazione del proprietario.