Impresa familiare solo con atto pubblico o scrittura autenticata

di Angelo Facchini

Pubblicato il 27 febbraio 2017

La sentenza della Corte di cassazione n. 2472 del 10 febbraio 2017 attesta che c'è impresa familaire solo in presenza di atto pubblico o scrittura autenticata. Il documento deve contenere l’indicazione nominativa dei partecipanti all’attività, avere data anteriore all’inizio del periodo d’imposta, essere sottoscritto dal titolare e dai congiunti. In assenza non è ravvisabile un’impresa familiare, con la conseguenza che i proventi imputati ai parenti collaboratori, non potendosi ritenere questi contitolari dell’impresa familiare, non sono assimilabili a reddito d’impresa, ma a redditi di puro lavoro.