IMMOBILI: disallineamento a più vie

Anche le società che non utilizzano i criteri IAS potranno disallineare il valore degli immobili posseduti, purchè non siano aree fabbricabili o beni merce. Per la concretizzazione dell’operazione dovranno versare un’imposta sostitutiva pari al 10 o al 7% a seconda si tratti di beni ammortizzabili e non. Tecnicamente: l’adeguamento da effettuare nel bilancio 2008 adotta un criterio di valutazione omogenea per tutti i beni di una stessa categoria, distinguendo gli immobili ammortizzabili da quelli non ammortizzabili; i maggiori valori vanno iscritti in una riserva si sospensione di imposta che può essere affrancata applicando la sostitutiva del 10%. L’aliquota è ridotta al 7% per gli immobili non ammortizzabili. Gli effetti fiscali dell’operazione decadono se i beni sono venduti prima dell’inizio del quarto esercizio successivo: anteriormente al 1° gennaio 2012.


Partecipa alla discussione sul forum.