IL DECRETO INCENTIVI: le agevolazioni previste

Il pacchetto di misure per sostenere l’attività produttiva e i consumi attraverso gli incentivi ammonta a 300 milioni di euro e sarà operativo dal prossimo 6 aprile. Scooter elettrici, elettrodomestici, cucine, macchine agricole, abitazioni ad alta efficienza energetica, gru, motori per nautica, i principali comparti produttivi interessati dagli interventi, che saranno erogati fino all’esaurimento delle somme stanziate per ciascun settore. Per le aziende operanti nel campo tessile e della moda, invece, è prevista la detassazione degli investimenti effettuati in attività di ricerca e sviluppo per la realizzazione di campionari. Sul fronte fiscale si intensifica la lotta all’evasione nazionale e internazionale, coinvolgendo anche le Camere di commercio che dovranno comunicare i dati in loro possesso su eventuali trasferimenti all’estero della sede da parte di imprese. E’ introdotto l’obbligo, per i soggetti passivi Iva, di comunicare all’Agenzia delle Entrate le operazioni di cessioni di beni e servizi verso operatori economici residenti nei cosiddetti paradisi fiscali.


Partecipa alla discussione sul forum.

IL DECRETO INCENTIVI: le agevolazioni previste

Il pacchetto di misure per sostenere l’attività produttiva e i consumi attraverso gli incentivi ammonta a 300 milioni di euro e sarà operativo dal prossimo 6 aprile. Scooter elettrici, elettrodomestici, cucine, macchine agricole, abitazioni ad alta efficienza energetica, gru, motori per nautica, i principali comparti produttivi interessati dagli interventi, che saranno erogati fino all’esaurimento delle somme stanziate per ciascun settore. Per le aziende operanti nel campo tessile e della moda, invece, è prevista la detassazione degli investimenti effettuati in attività di ricerca e sviluppo per la realizzazione di campionari. Sul fronte fiscale si intensifica la lotta all’evasione nazionale e internazionale, coinvolgendo anche le Camere di commercio che dovranno comunicare i dati in loro possesso su eventuali trasferimenti all’estero della sede da parte di imprese. E’ introdotto l’obbligo, per i soggetti passivi Iva, di comunicare all’Agenzia delle Entrate le operazioni di cessioni di beni e servizi verso operatori economici residenti nei cosiddetti paradisi fiscali.


Partecipa alla discussione sul forum.