Il 14 maggio scade il termine per la presentazione dell’istanza di rimborso per la rivalutazione di quote e terreni

Il Dl 70/2011 ha riaperto la procedura delle rivalutazioni di terreni e partecipazioni. Nel decreto si prevede che il contribuente, qualora abbia già eseguito una precedente rivalutazione, può detrarre dall’importo dovuto per la rivalutazione l’imposta già versata precedentemente. Viene così eliminata la procedura del rimborso, anche se, chi versa l’imposta sostitutiva nella misura piena, può sempre richiedere il rimborso. Per farlo occorre presentare istanza entro 48 mesi dal versamento dell’ultima rideterminazione effettuata. Una deroga è stabilita all’art. 7 del decreto: per i vecchi versamenti, quelli eseguiti alla data del 14 maggio 2011 i cui termini citati sono spirati, la richiesta di rimborso è eseguibile entro 12 mesi dalla medesima data quindi entro il 14 maggio 2012.


Partecipa alla discussione sul forum.