I NUOVI DIRITTI DELLE CAMERE DI COMMERCIO

Il Decreto Interministeriale – Sviluppo Economico ed economia e Finanze – fissa i nuovi diritti camerali per il 2008. Gli aumenti si aggirano intorno al 10%, per gli importi in misura fissa dovuti dalle imprese individuali, si passa da 80 a 88euro. Ridotti i diritti per le società di capitali con un basso volume di affari, e confermati quelli delle società semplici non agricole, 144euro, e delle associazioni tra avvocati, 170euro. Cambiano gli scaglioni per la valutazione del fatturato e le aliquote per le società iscritte nel Registro delle imprese alla sezione ordinaria; scompare la clausola di salvaguardia che tutelava le variazioni significative dei diritti entro la soglia del 6%. Questo decreto costituisce il passaggio dal regime transitorio, in vigore dal 2000, a quello definitivo.


Partecipa alla discussione sul forum.