GLI STUDI DI SETTORE DEFINITIVI DEI PROFESSIONISTI

Unico 2007 mette a regime gli studi di settore per i professionisti. Fine, quindi, dell’era di sperimentalità e monitoraggio, ora bisogna valutare la congruità, considerando anche che il “2 su 3” è andato. Basterà una sola annualità non congrua per rischiare il contraddittorio e l’accertamento. I nuovi studi si basano sul numero degli incarichi professionali, e non più su una ricostruzione presuntiva dei compensi. Il passaggio dal regime sperimentale a quello definitvo mette al riparo i professionisti che si sono resi congrui nelle annualità precedenti da un’eventuale applicazione retroattiva della norma. In pratica i lavoratori autonomi interessati dalla novità dovranno considerare anche la congruità delle annualità precedenti; gli altri ne tengano conto, perchè quando tutti gli studi saranno definitivi anche a loro toccherà la stessa sorte… Una congruità costante mette al riparo dal contraddittorio con lo studio definitivo.


Partecipa alla discussione sul forum.