GERICO 2007: il conto della “normalità”


Gli indici di normalità in gerico 2007 mirano a ritoccare i ricavi di imprese e professionisti basandosi sugli aspetti che li differenziano dalle medie del settore. I parametri di riferimento sono: scorte di magazzino, produttività per addetto e beni strumentali. L’analisi dei valori di magazzino è sempre determinate per lo studio di settore. Una reale indicazione delle scorte è sempre auspicabile (anche se costretti ad adeguarsi), perché evita il trascinamento di situazioni anomale nel tempo. Gli addetti, altro punto cardine, trascinano il valore dei ricavi in alto quanto più la forza lavoro è “eccessiva” rispetto ai ricavi dichiarati. La redditività dei beni strumentali, invece, non produce drastici effetti, tranne il caso in cui si deducono ammortamenti a fronte di un cattivo conteggio del numero dei beni, per esempio il leasing, considerati per il costo storico del concedente.


Partecipa alla discussione sul forum.

GERICO 2007: il conto della “normalità”


Gli indici di normalità in gerico 2007 mirano a ritoccare i ricavi di imprese e professionisti basandosi sugli aspetti che li differenziano dalle medie del settore. I parametri di riferimento sono: scorte di magazzino, produttività per addetto e beni strumentali. L’analisi dei valori di magazzino è sempre determinate per lo studio di settore. Una reale indicazione delle scorte è sempre auspicabile (anche se costretti ad adeguarsi), perché evita il trascinamento di situazioni anomale nel tempo. Gli addetti, altro punto cardine, trascinano il valore dei ricavi in alto quanto più la forza lavoro è “eccessiva” rispetto ai ricavi dichiarati. La redditività dei beni strumentali, invece, non produce drastici effetti, tranne il caso in cui si deducono ammortamenti a fronte di un cattivo conteggio del numero dei beni, per esempio il leasing, considerati per il costo storico del concedente.


Partecipa alla discussione sul forum.

GERICO 2007: il conto della “normalità”


Gli indici di normalità in gerico 2007 mirano a ritoccare i ricavi di imprese e professionisti basandosi sugli aspetti che li differenziano dalle medie del settore. I parametri di riferimento sono: scorte di magazzino, produttività per addetto e beni strumentali. L’analisi dei valori di magazzino è sempre determinate per lo studio di settore. Una reale indicazione delle scorte è sempre auspicabile (anche se costretti ad adeguarsi), perché evita il trascinamento di situazioni anomale nel tempo. Gli addetti, altro punto cardine, trascinano il valore dei ricavi in alto quanto più la forza lavoro è “eccessiva” rispetto ai ricavi dichiarati. La redditività dei beni strumentali, invece, non produce drastici effetti, tranne il caso in cui si deducono ammortamenti a fronte di un cattivo conteggio del numero dei beni, per esempio il leasing, considerati per il costo storico del concedente.


Partecipa alla discussione sul forum.