Fondi europei professionisti

di Angelo Facchini

Pubblicato il 2 febbraio 2016



Il disegno di legge sul lavoro autonomo sancirà, per le partite Iva e i professionisti, la disciplina a regime per l'accesso ai fondi europei. Verrà così superata la regolamentazione prevista dalla legge di Stabilità 2016, che "apre i bandi" delle risorse Ue ma solo per la programmazione 2014/2020. Il disegno di legge, nell'ultima stesura in vista del Consiglio dei ministri di giovedì scorso, prevede l'equiparazione dei lavoratori autonomi alle piccole e medie imprese, un'assimilazione funzionale alla partecipazione ai bandi collegati ai fondi strutturali, sia per quanto riguarda la programmazione nazionale sia in relazione ai piani regionali.