Fisco: I dati bancari trafugati all’estero sono utilizzabili in sede di accertamento

Il Fisco, nell’attività di contrasto e accertamento dell’evasione fiscale può avvalersi di qualsiasi elemento con valore indiziario, anche unico, con esclusione di quelli la cui inutilizzabilità discenda da una specifica disposizione della legge tributaria o dal fatto di essere stati acquisiti in violazione di diritti fondamentali di rango costituzionale. Sono perciò utilizzabili, nell’accertamento e nel contenzioso con il contribuente, i dati bancari acquisiti dal dipendente di una banca residente all’estero e ottenuti dal fisco italiano mediante gli strumenti di cooperazione comunitaria (Cassazione sentenza n. 16950 del 19 agosto 2015).


Partecipa alla discussione sul forum.