Fattura elettronica: le regole dell’Agenzia delle Entrate nella circolare 18/E


L’Agenzia delle Entrate, nella circolare 18/E del 24 giugno, fornisce alcune precisazioni sulla fattura elettronica. La fattura elettronica è un documento emesso e accettato in formato digitale. Il percorso “ufficiale” deve essere  tutto informatico, non è sufficiente, cioè, che l’emittente trasmetta o metta a disposizione del destinatario la forma smaterializzata, ma è anche necessario che questa risulti gradita a chi la riceve. Non è elettronica la fattura creata con il software di contabilità o di elaborazione testi arrivata però cartacea a destinazione, mentre lo è quella compilata sul blocchetto in un primo momento e poi spedita e ricevuta tramite canali elettronici, ad esempio, via e-mail. Il sigillo sulla validità dell’operazione è il comportamento concludente del cessionario o committente. Se quest’ultimo vuole continuare ad utilizzare il metodo cartaceo, ciò non influenza l’obbligo dell’emittente di procedere comunque con la conservazione elettronica, sempreché vengano rispettati i requisiti di autenticità dell’origine, integrità del contenuto e leggibilità dal momento della creazione fino al termine del periodo di conservazione. In sostanza, quando l’emittente trasmette o mette a disposizione del ricevente una fattura elettronica, anche se questi non accetta tale processo, la fattura rimane elettronica in capo al primo, con conseguente obbligo di conservazione elettronica.


Partecipa alla discussione sul forum.