E-commerce agricoltura: gli investimenti che possono beneficiare del credito d’imposta

La circolare 8 ottobre 2015 n.67351 del Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali illustra “le modalità di presentazione delle domande per l’attribuzione del credito d’imposta per la realizzazione e l’ampliamento di infrastrutture informatiche, esclusivamente finalizzate all’avvio e allo sviluppo del commercio elettronico. Possono presentare domanda le imprese, anche sotto forma di consorzi o cooperative: piccole, medie e grandi che producono prodotti agricoli, della pesca e dell’acquacoltura compresi nell’Allegato I del Trattato sul funzionamento dell’Unione europea; PMI che producono prodotti agroalimentari, della pesca e dell’acquacoltura non compresi nel predetto Allegato I del TFUE. Le spese ammesse sono quelle effettuate per dotazioni tecnologiche, software, progettazione e implementazione, sviluppo database e sistemi di sicurezza, se regolarmente fatturate e quietanzate fino massimo al loro valore di mercato e se realizzate dal 14 marzo 2015 al 31 dicembre 2015 per i periodi di imposta successivi, nel corso dell’intero anno precedente a quello di presentazione della domanda.


Partecipa alla discussione sul forum.