Dl per il Mezzogiorno: occorre inserire anche i giovani professionisti


I giovani professionisti hanno bisogno di essere inclusi tra i soggetti beneficiari delle misure previste all’articolo 1 del decreto legge mezzogiorno. Lo ha proposto un parere del senatore Pagano (Ap-Ncd) riprendendo il contenuto dell’emendamento della relatrice Simona Vicari depositato in Commissione lavoro. Si vuole estendere le agevolazioni, previste allo stato attuale solo per le imprese, anche alle attività libero professionali. L’attuale formulazione del decreto Mezzogiorno (Resto al Sud), introduce significative agevolazioni per sviluppare le capacità imprenditoriali dei giovani di età compresa tra i 18 e i 35 anni escludendo i giovani professionisti che non riuscirebbero ad avviare un’attività professionale, non potendo usufruire delle risorse che il governo metterebbe a disposizione.


Partecipa alla discussione sul forum.