Diritto penale: revisione del sistema sanzionatorio

di Redazione

Pubblicato il 14 ottobre 2015

Il provvedimento di revisione del sistema sanzionatorio, che entrerà in vigore il prossimo 22 ottobre, contiene modifiche all'art. 5, Dl n. 74/2000, in materia di omessa dichiarazione. Si tratta: comma 1) al fine di evadere le imposte sui redditi o sul valore aggiunto viene punito con la reclusione da un anno e sei mesi a quattro anni chi non presenta le dichiarazioni relative, quando l'imposta evasa è superiore con riferimento a ciascuna delle singole imposte ad euro 50mila; viene inserito il comma 1-bis): è punito con la reclusione da una anno e sei mesi a quattro anni chi non presenta la dichiarazione di sostituto d'imposta, quando l'importo delle ritenute non versate è superiore ad euro 50mila; comma 2) non si considerano omesse le dichiarazioni presentate entro 90 giorni dalla scadenza del termine o non sottoscritte oppure non redatte su uno stampato conforme al modello prescritto.