Dichiarazioni 2013: le bozze di Unico SP ed SC e modello CNM


Continua a ritmo serrato la pubblicazione dei modelli dichiarativi 2013, ora tocca ad Unico SP ed SC e modello CNM. Alcune delle novità: i due Unico sono accomunati da nuovi spazi dove indicare le situazioni che determinano la disapplicazione automatica della disciplina delle società di comodo e di quella applicabile a chi è in perdita sistematica. Il modello CNM non presenta, invece, novità sostanziali. Nel dettaglio: in Unico 2013 SP viene svincolata la dichiarazione annuale IVA, all’interno del quadro RX, alla sezione III, è possibile riportare i dati relativi all’imposta dovuta o a credito e dell’eventuale Iva che si chiede a rimborso; il quadro RP recepisce la novità del maggiore sconto d’imposta concesso alle spese sostenute in relazione a interventi di recupero del patrimonio edilizio. In Unico 2013 SC il quadro RF accoglie la possibilità introdotta dal Dl n. 16/2012, anche per i contribuenti IRES, di dedurre i canoni di leasing senza tener conto della durata minima contrattuale, considerando solo il periodo di ammortamento previsto ai fini fiscali; nello stesso quadro si posizionano anche la deduzione dal reddito, ai fini IRES, della quota di IRAP relativa alle spese per il personale dipendente e assimilato, e quella forfetaria concessa ai gestori di impianti di distribuzione di carburanti, contenuta nella legge di stabilità 2012; nel quadro RQ si colloca, invece, la proroga da 5 a 10 anni del termine entro il quale deve avvenire l’utilizzazione edificatoria delle aree rivalutate; ridotte le sezioni del quadro RU, si passa da 25 a 6.


Partecipa alla discussione sul forum.