Dichiarazione infedele: rileva la data di spedizione

Secondo quanto affermato nella sentenza n. 34722/2015 della Suprema Corte, al fine della configurazione del reato di dichiarazione infedele (articolo 4 del Dl n. 74/2000), la fattura attiva si considera emessa all’atto della sua spedizione.

Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it