Denaro contante: sanzioni antiriclaggio

di Angelo Facchini

Pubblicato il 26 aprile 2018



Il solo passaggio di mano di denaro contante per importi al di sopra delle soglie fissate dalle norme antiriciclaggio (3.000 euro) legittima l'applicazione della sanzione economica a carico dei due soggetti, e non rileva quale sia il fine della disponibilità del contante, né l'eventuale liceità del negozio sottostante. La violazione si configura con la consegna a qualsiasi titolo delle somme. A stabilirlo è stata la 2° sezione civile della Cassazione, con la sentenza n. 9881/18, depositata il 20 aprile scorso.