Decreto dignità: l'esclusione dallo split payment vale solo per gli autonomi

Secondo quanto stabilito dal decreto dignità, per le fatture emesse dal 14 luglio 2018 non si considera più il meccanismo dello split payment. Per l’esattezza il decreto fa riferimento alle prestazioni i cui compensi sono assoggettati a ritenute a titolo di imposta o di acconto (art. 25 del D.P.R. n. 600/1973). Il regime dello split payment continua, invece, ad applicarsi con riferimento agli agenti di commercio e agli altri intermediari e, più in generale, ai soggetti per i quali si applicano le ritenute in base all’art. 25-bis del D.P.R. n. 600/1973. L’agente di commercio è un imprenditore e non un professionista.

Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it