Decreto bilanci: il contenuto della nota integrativa


Il decreto bilanci rivede il contenuto della nota integrativa. L’art.6 co.9 del decreto apporta le seguenti modifiche all’art. 2427 c.c, relativo al contenuto della nota integrativa. Di seguito vengono illustrate alcune modifiche apportate. Al n. 3) le parole “costi di ricerca, di sviluppo e di pubblicità” vengono sostituite dalle parole “costi di sviluppo”. Viene sostituito il n. 9) con il seguente: “l’importo complessivo degli impegni, delle garanzie e delle passività potenziali non risultanti dallo stato patrimoniale, con indicazione della natura delle garanzie reali prestate; gli impegni esistenti in materia di trattamento di quiescenza e simili, nonché gli impegni assunti nei confronti di imprese controllate, collegate, nonché controllanti e imprese sottoposte al controllo di quest’ultime sono distintamente indicati”. Vengono introdotte novità per quanto riguarda l’ammontare dei compensi spettanti agli amministratori ed ai sindaci, in quanto si dovrà indicare anche l’ammontare delle anticipazioni e dei crediti concessi precisando: tasso d’interesse; principali condizioni ed importi eventualmente rimborsati e gli impegni assunti per loro conto. Vengono aggiunti i seguenti nuovi punti: 22quater): la natura e l’effetto patrimoniale, finanziario ed economico dei fatti di rilievo avvenuti dopo la chiusura dell’esercizio; 22quinquies): il nome e la sede legale dell’impresa che redige il bilancio consolidato dell’insieme più grande di imprese di cui essa fa parte e il luogo in cui è disponibile la copia di tale documento; 22sexies): il nome e la sede legale dell’impresa che redige il bilancio consolidato dell’insieme più piccolo di imprese di cui essa fa parte e il luogo in cui è disponibile la copia di tale documento; 22septies) la proposta di destinazione degli utili o di copertura delle perdite.


Partecipa alla discussione sul forum.