CTR Toscana: le cartelle si prescrivono in 5 anni

di Angelo Facchini

Pubblicato il 28 marzo 2018



Le cartelle esattoriali tributarie si prescrivono in 5 anni, in assenza di sentenza definitiva. Così afferma  la Ctr Toscana nella sentenza 2224/17. Il caso vede un contribuente che proponeva ricorso avverso intimazione di pagamento dell'Agente della riscossione inviata nel 2015, a mezzo della quale richiedeva il pagamento di oltre 300 mila euro a titolo di Iva, Irpef ed Iva proveniente da cartelle esattoriali notificate nel biennio 2007-2008. La difesa del contribuente si concentrava sul vizio di notifica delle cartelle e sull'intervenuta prescrizione quinquennale del credito. I giudici di primo grado della Ctp Lucca, con sentenza 405/16, respingevano il ricorso. I giudici di appello accoglievano invece le argomentazioni spese dall'appellante, ritenendo in primo luogo giuridicamente inesistenti le notifiche per mancata prova di invio e ricezione della lettera informativa al contribuente (Cass. 15902/17). Per tale ragione, con il mancato adempimento di tutte le formalità prescritte non era stato raggiunto lo scopo di conoscenza degli atti a favore del destinatario.