Credito d’imposta R&S anche per brevetti acquisiti da società fallita

L’Agenzia delle Entrate, con la risoluzione n. 19/E del 14 febbraio 2017, fornisce indicazioni sull’ammissibilità di costi sostenuti da un’impresa per l’acquisto di brevetti, marchi e disegni, derivanti dal fallimento di un’altra società, ai fini del riconoscimento del credito d’imposta in ricerca e sviluppo, di cui all’articolo 3, Dl 145/2013. La risoluzione ritiene ammissibili i costi sostenuti per l’acquisizione di privative da soggetti terzi e, quindi, anche da una procedura fallimentare di altra società. Ciò anche perché né la norma di riferimento né la circolare 5/2016 prescrivono nulla al riguardo.


Partecipa alla discussione sul forum.