Corte di Cassazione: valido l'accertamento da presunzioni semplici

La Corte di Cassazione – sentenza n. 6963 dell’8 aprile 2015 – ha sancito la validità dell’accertamento basato dal fisco su presunzioni semplici in caso di ritardo o omissione della dichiarazione dei redditi, e a maggior ragione se dalle indagini emerge una gestione antieconomica dell’azienda. Per la Cassazione la presentazione tardiva, oltre i 30 gg., della dichiarazione annuale comporta che detta dichiarazione deve ritenersi omessa a tutti gli affetti, con la conseguenza che il contribuente è esposto alla determinazione in via induttiva dell’ammontare imponibile e della relativa aliquota, sulla base dei dati e delle notizie comunque raccolti o venuti a conoscenza dell’ufficio.

Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it