Corte di Cassazione: sanzioni per eccessivo utilizzo dei crediti Iva

La Corte di Cassazione – ordinanza n. 25816 del 22 dicembre 2015 – ha affermato che nel caso di superamento del limite massimo dei crediti d’imposta compensabili, si realizza quel mancato versamento di parte del tributo alle scadenze previste, che è sanzionato dall’articolo 13, comma 1, del Dlgs 471/1997, nella misura del 30%. Il caso: compensazioni orizzontali tra Iva e altri tributi tramite il modello F24 per un ammontare superiore al limite fissato dall’articolo 34, comma 1, della legge n. 388/2000 388, 516.456,90 euro (dal 2014, il limite è stato innalzato a 700.000,00 euro). L’ufficio ha applicato la sanzione prevista dall’articolo 13 del Dl n. 471/1997, pari al 30% del maggior credito utilizzato; non è stata contestata l’esistenza del credito compensato.


Partecipa alla discussione sul forum.