Corte di Cassazione: non sono reddito i prelievi ingiustificati degli autonomi

Supportata dal vigente art. 32 del DPR n. 600/73 che non prevede più una presunzione di reddito sui prelievi ingiustificati dei lavoratori autonomi, e per effetto della sentenza n. 228/2014 della Corte Costituzionale, la Corte di Cassazione – Sezione Tributaria – nella sua sentenza n. 12021/15 sostiene l’illegittimità dell’accertamento di maggior reddito nei confronti del lavoratore autonomo basato sulla presunzione secondo cui i prelevamenti non giustificati dal conto corrente bancario corrispondono automaticamente a un costo a sua volta produttivo di un ricavo.


Partecipa alla discussione sul forum.