Corte di Cassazione: la dichiarazione dei fornitori è strumento probatorio


A seguito di una verifica fiscale effettuata dalla Guardia di finanza presso un contribuente che aveva emesso fatture ritenute “per operazioni inesistenti”, l’Agenzia delle Entrate emetteva a suo carico un avviso di rettifica parziale per Iva. L’avviso veniva impugnato contestando: difetto di motivazione; la legittimità di un accertamento meramente presuntivo, basato su dichiarazioni di terzi a essa sconosciute. Arrivando in Cassazione, i giudici, nella sentenza 15331/2014, legittimano la rettifica Iva per emissione di fatture inesistenti basata sulle dichiarazioni dei fornitori. Una volta che tale prova sia stata adeguatamente acquisita, spetta al contribuente dimostrare l’inesistenza dell’operazione contestata.


Partecipa alla discussione sul forum.