Cooperative agricole: i ristorni vanno fatturati

di Angelo Facchini

Pubblicato il 7 ottobre 2022

La Corte di Cassazione, nell’ordinanza n. 25495 del 30 agosto 2022, ha sancito un principio utile alla gestione della contabilità delle cooperative agricole, con riferimento ai ristorni. Si legge: “in riferimento alle cooperative agricole, dove è previsto che il vantaggio mutualistico venga attribuito sotto forma di maggiori compensi per i conferimenti dei prodotti agricoli e ittici, i ristorni ripartiti ai soci conferenti in conformità dell'atto costitutivo devono essere fatturati o auto fatturati. Essendo volti a conguagliare i corrispettivi sinallagmaticamente spettanti a detti soci a chiusura d'esercizio per la loro partecipazione all'attività sociale, anche con riferimento ad essi trova applicazione l’articolo 34, comma 7, Dpr n. 633/1972”.