Contribuzione del settore agricolo: fissate le aliquote

Sono state fissate le aliquote contributive per il settore agricolo. Sono interessati coltivatori diretti, coloni, mezzadri e imprenditori agricoli professionali. I versamenti sono divisi in quattro rate da effettuarsi mediante il modello F24. Nella circolare n. 75 del 25 maggio 2012 l’INPS chiarisce che la contribuzione IVS si ottiene moltiplicando il reddito medio convenzionale (52,45 euro) e il numero di giornate indicate nella “Tabella D”, della L. n. 233/1990, in corrispondenza della fascia di reddito convenzionale in cui è inserita l’azienda. Al risultato ottenuto bisogna applicare una delle seguenti aliquote: zona normale: maggiore di 21 anni (21,6%), minore di 21 anni (19,4%); zona svantaggiata: maggiore di 21 anni (18,7%), minore di 21 anni (15%). L’aliquota di computo è pari al 21,6%. Per quanto riguarda l’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali, il contributo annuo è pari a: 768,50 euro (per le zone normali); 532,18 euro (per i territori montani e le zone svantaggiate).


Partecipa alla discussione sul forum.