CONTRATTO DI INSERIMENTO: niente conservazione del posto di lavoro dopo lo svolgimento del servizio civile


Il Ministero del Lavoro, con nota del 16 novembre 2007 prot. n. 15122, in risposta ad un interpello fattogli in merito alla sussistenza dell’obbligo di sospensione del contratto d’inserimento in caso di svolgimento del servizio militare o civile, rende noto che essendo lo svolgimento del servizio militare di leva non più obbligatorio, ma una scelta volontaria del cittadino, non può considerarsi produttiva del diritto alla conservazione del posto di lavoro, così come prevedeva l’art. 77, comma 2, del D.P.R. n. 237/1964, e sancito dall’art. 52, comma 2, della Carta Costituzionale. Nel merito del contratto in questione, la durata (18 o 36 mesi) non tiene conto degli eventuali periodi dedicati allo svolgimento del servizio militare o di quello civile. Pertanto, attenendosi alla norma, sembra corretto ritenere che, pur non sussistendo il diritto alla conservazione del posto, qualora lo stesso sia conservato, non si dovrà considerare, nel computo, il tempo occorso al servizio militare o civile.


Partecipa alla discussione sul forum.