COMMISSIONI TRIBUTARIE: la CTR Puglia permette la detrazione dell’Iva non esposta in dichiarazione


L’accertamento di maggiori ricavi da parte del Fisco comporta rilievi tributari ed anche Iva. La Ctr Puglia, sezione di Lecce con sentenza n. 509, ha esposto la sua posizione in merito alla rilevanza dell’Iva di fatture passive non esposte in dichiarazione. Il caso parte da una verifica dove venivano accertati maggiori ricavi con conseguente addebito di Iva; di contro, il contribuente esibiva costi documentati prima non considerati per un evidente collegamento delle operazioni eseguite a nero. Prassi e circolari in merito vogliono che la fattispecie di costi possono essere portati in deduzione del reddito se derivanti da “elementi certi e precisi”; non è così, però, ai fini Iva. Il Collegio giudicante è stato di diverso avviso, dando ragione al contribuente delle sue motivazioni di avvantaggiarsi, fornendone prova, di eventuali e possibili detrazioni Iva.


Partecipa alla discussione sul forum.