Commercialisti: anomalie nelle procedure informatiche delle Entrate

I commercialisti (ADC, AIDC, ANC, ANDOC, UNAGRACO, UNGDCEC, UNICO) denunciano alcune irregolarità nelle procedure informatiche dell’Agenzia delle Entrate in merito alla decorrenza delle nuove norme, che introducono per la compensazione di crediti superiori a 5mila euro l’obbligo del visto di conformità. Nella sua nota l’Agenzia delle Entrate afferma che l’applicazione del nuovo limite delle compensazioni interessa le dichiarazioni presentate successivamente alla data del 24 aprile 2017 e che, pertanto, per i crediti derivanti da dichiarazioni già presentate entro il 23 aprile, prive del visto di conformità, restano applicabili le regole precedenti, in forza delle quali le deleghe di pagamento riferite a tali crediti non possono essere scartate. Si registrano, invece, diversi casi in cui deleghe di pagamento che utilizzano in compensazione crediti per importi superiori a 5mila euro e comunque inferiori a 15mila euro, derivanti da dichiarazione presentate entro il 23 aprile, vengono scartate dal servizio telematico Entratel per mancanza del visto di conformità.


Partecipa alla discussione sul forum.