Codici tributo: nuovi e vecchi


Con la normativa fiscale sempre in aggiornamento, cambiano alcuni codici tributo. Con la risoluzione 76/E del 22 giugno 2017, l’Agenzia delle Entrate ha provveduto a sopprimerne diciotto, a ridenominarne due e, per altri, a limitarne le funzioni (dieci) o a modificarne l’esposizione nel modello F24 (due). Riguardo le limitazioni, non sarà più consentito esporre importi a credito compensati per i codici: 1061 (ritenuta sui redditi di capitale da partecipazione a Oicr italiani e lussemburghesi storici); 1665 (imposta sostitutiva su plusvalenze da cessione di azienda o partecipazione di controllo o di collegamento); 1705 (ritenuta su proventi derivanti da partecipazione a Oicvm di diritto estero); 1807 (imposta sostitutiva delle imposte sulle riserve e fondi in sospensione d’imposta); 2415 (imposta sul patrimonio netto dell’impresa società di capitali ed enti); 2726 (imposta sostitutiva sulla rivalutazione dei beni iscritti in bilancio); 2727 (imposta sostitutiva di Irpeg e Irap sui maggiori valori derivanti da conferimenti); 2728 (imposta sostitutiva delle imposte sui redditi su plusvalenze da conferimenti o cessioni di beni o aziende a favore dei Caf); 4996 (contributo straordinario per l’Europa autotassazione); 8846 (contributo per le prestazioni del servizio sanitario nazionale saldo). Le modifiche nelle modalità di compilazione dell’F24 riguardano, invece, i codici 1710 e 1711: ora andrà indicato anche il mese di riferimento, nella forma “00MM”, da riportare nel campo “rateazione/regione/prov./mese rif.”. Sia le soppressioni sia le modifiche saranno operative dal prossimo 20 luglio. Sono ridedominati i codici tributo 4040 e 6780, ora rispettivamente: “imposta sui redditi soggetti a tassazione separata, a ritenuta a titolo di imposta o a imposta sostitutiva derivanti da pignoramento presso terzi dovuta dal creditore pignoratizio o da beni sequestrati – Sezione XVI Quadro RM – Modello RPF 2017”; “credito d’imposta sul valore dei contratti di assicurazione e sulle riserve matematiche dei rami vita – DL 24/09/2002, n. 209, art. 1, comma 2 e comma 2-sexies”.


Partecipa alla discussione sul forum.