Codici tributo e compensazioni per l’F24 telematico


L’Agenzia delle Entrate, con la risoluzione 68/E del 9 giugno 2017, interviene in materia di utilizzo dei crediti tributari in compensazione tramite presentazione telematica degli F24 e dei relativi codici tributo. I chiarimenti tengono conto dei dubbi sollevati dalle novità introdotte dal Dl 50/2017, che ha esteso l’obbligo di utilizzo dei canali telematici dell’amministrazione per tali operazioni. Il documento precisa che i contribuenti già erano tenuti a utilizzare esclusivamente i servizi telematici dell’Agenzia per portare in compensazione una serie di crediti, rimangono validi i codici tributo esistenti e riportati nell’allegato 1 alla risoluzione. Per tutti i contribuenti, poi, anche senza partita Iva, rimangono vigenti le norme secondo cui sono eseguiti: necessariamente tramite i servizi telematici dell’Agenzia delle Entrate gli F24 a saldo zero per effetto delle compensazioni effettuate; esclusivamente attraverso i canali online dell’amministrazione finanziaria e degli intermediari della riscossione convenzionati, quelli, sempre per via delle compensazioni, a saldo positivo.


Partecipa alla discussione sul forum.