Chiarimenti sul quadro RM del modello UNICO PF


Nella circolare 1/E dell’Agenzia delle Entrate pubblicata il 15 febbraio 2013, tra i vari chiarimenti si parla anche del comportamento da adottare in sede di compilazione di UNICO PF nell’ipotesi in cui, in corso d’anno, cambi la quota o il periodo di possesso di un’attività finanziaria. Escludendo conti correnti e i libretti, occorre compilare più righi, indicando rispettivamente in colonna 2 (“Quota di possesso”) e in colonna 3 (“Periodo”) l’ammontare posseduto e il numero dei giorni per cui si è protratto il possesso. Se, invece, l’attività finanziaria è detenuta all’estero e riguardi conti correnti o libretti, il limite per il pagamento dell’imposta è riferito al valore medio di giacenza pro quota; è necessario compilare un solo rigo anche nel caso in cui sia variata la quota di possesso, indicando in colonna 2 (“Quota di possesso”) la quota di possesso ponderata con riferimento ai giorni di possesso, e in colonna 3 (“Periodo”) l’intero periodo di possesso.


Partecipa alla discussione sul forum.