Chiarimenti su comunicazione spese lavori condominiali

Il decreto del Mef del 1° dicembre 2016, prevede che ai fini della elaborazione della dichiarazione dei redditi precompilata, gli amministratori di condominio trasmettono in via telematica all’Agenzia, entro il 28 febbraio di ciascun anno, una comunicazione contenente i dati relativi alle spese sostenute nell’anno precedente dal condominio con riferimento agli interventi di recupero del patrimonio edilizio e di riqualificazione energetica effettuati sulle parti comuni di edifici residenziali, nonché con riferimento all’acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici finalizzati all’arredo delle parti comuni dell’immobile oggetto di ristrutturazione. I dati possono essere trasmessi anche tramite intermediari quali, Commercialisti, Consulenti del lavoro o C.a.f. L’Agenzia ha fornito ora alcuni chiarimenti riguardo le quote di spesa imputate ai singoli condòmini o che non sono state pagate per morosità. Gli amministratori sono tenuti a fornire l’informazione relativa all’effettivo pagamento al 31 dicembre della quota di spesa attribuita a ciascun soggetto. Al fine, dovrà essere compilato il campo relativo al “flag pagamento” evidenziando se il pagamento è stato interamente corrisposto al 31 dicembre dell’anno di riferimento ovvero se lo stesso è stato parzialmente o interamente non corrisposto entro tale data.


Partecipa alla discussione sul forum.