CHIARIMENTI: secondo le Entrate i beni distrutti o danneggiati pagano l’Irap

In caso di danneggiamento o distruzione, dovuto ad evento accidentale con conseguente risarcimento assicurativo nello stesso periodo d’imposta, la perdita derivante concorre alla formazione del reddito attraverso il minor valore delle rimanenze finali, con piena rilevanza fiscale ai fini Ires ed Irap. Nella risoluzione 294/E del 18 ottobre 2007 l’Agenzia riconosce che sia la perdita per il danno subito, che i costi consequenziali sostenuti dal contribuente, ed anche il risarcimento successivo, sono classificabili come componenti reddituali straordinari da classificare nel conto economico, ma in base al principio di correlazione (come dispone l’art. 11 c. 3 DLGS 446/97), gli indennizzi devono essere compresi nella base imponibile Irap, in quanto volti a fronteggiare la perdita di rimanenze che hanno concorso a determinare il valore della produzione di esercizi precedenti e dello stesso esercizio.


Partecipa alla discussione sul forum.