CHIARIMENTI MINISTERIALI: le regole per l’estromissione dell’immobile strumentale

In vista della scadenza 30 aprile, in ottemperanza al dettato dell’art. 1, comma 37, legge 244/07, in relazione agli immobili strumentali, l’Agenzia delle Entrate, circolare 39/E del 15 aprile 2008, chiarisce che l’estromissione agevolata non è consentita all’imprenditore individuale che ha conferito in affitto l’unica azienda avendo perduto la qualifica di imprenditore; è invece consentita ai contribuenti minimi. Possono avvalersi dell’agevolazione solo coloro che alla data del 30 novembre 2007 rivestivano la qualifica di imprenditore individuale, e la stessa era in essere alla data del 1° gennaio 2008. Rientrano nella fattispecie tutti gli immobili strumentali per natura anche se non utilizzati direttamente nell’esercizio dell’impresa, compresi i fabbricati dati in locazione a terzi. L’estromissione si estrinseca con l’applicazione di un imposta sostitutiva del 10%, calcolata sulla differenza tra il valore normale dei beni e il costo fiscalmente riconosciuto.


Partecipa alla discussione sul forum.

CHIARIMENTI MINISTERIALI: le regole per l’estromissione dell’immobile strumentale

In vista della scadenza 30 aprile, in ottemperanza al dettato dell’art. 1, comma 37, legge 244/07, in relazione agli immobili strumentali, l’Agenzia delle Entrate, circolare 39/E del 15 aprile 2008, chiarisce che l’estromissione agevolata non è consentita all’imprenditore individuale che ha conferito in affitto l’unica azienda avendo perduto la qualifica di imprenditore; è invece consentita ai contribuenti minimi. Possono avvalersi dell’agevolazione solo coloro che alla data del 30 novembre 2007 rivestivano la qualifica di imprenditore individuale, e la stessa era in essere alla data del 1° gennaio 2008. Rientrano nella fattispecie tutti gli immobili strumentali per natura anche se non utilizzati direttamente nell’esercizio dell’impresa, compresi i fabbricati dati in locazione a terzi. L’estromissione si estrinseca con l’applicazione di un imposta sostitutiva del 10%, calcolata sulla differenza tra il valore normale dei beni e il costo fiscalmente riconosciuto.


Partecipa alla discussione sul forum.